martedì 22 marzo 2011

Aggredita da una cagnaccia

RAGAZZI, ME LA SONO VISTA BRUTTA!
Una domenica sera che non dimenticherò mai. Sono scesa al parco con il mio amico - padrone e mentre stavo facendo pipì ho visto, in lontananza, un cane che mi guardava. L'ho fissato anch'io perché non capivo che intenzioni avesse. In quel momento alle spalle mi è arrivata di corsa una cagnaccia di grossa taglia (i miei hanno detto che forse era una lupa) e io ho cercato di scappare. Ci siamo rincorse per pochi secondi poi lei mi ha preso e mi è saltata addosso, cominciando a morsicarmi sul lato destro dell'addome. Fortunatamente il mio amico - padrone era a due passi e con decisione me l'ha tolta di dosso. Ma ormai mi aveva già azzannato. Io, piena di dolori, piangevo e gridavo, e sono scappata di lì, rifugiandomi accanto a una macchina parcheggiata. Mentre il padrone della cagnaccia gridava "Ronda, Ronda, vieni qui" (si chiama Ronda quella disgraziata) il mio padrone - amico mi ha raggiunto e tranquillizzato. Poi, camminando, ha scoperto le ferite. Allora mi ha portato in casa, dove ha controllato meglio e, visto che uno dei due morsi era andato in profondità, mi ha portato alla clinica veterinaria San Siro. Io avevo una fifa boia, sanguinavo, ma c'erano due dottoresse molto gentili e una, Maddalena Maierù, è stata particolarmente brava e dolce. Visto che la mia ferita era brutta, ha chiamato il mio dottore, quello che mi fa sempre le visite di controllo, il dottor Stefano Bacilieri, bravissimo, che anche se era domenica è corso alla San Siro per assistermi e fare le suturazioni del caso. Io non so bene che cosa mi hanno fatto perché mi hanno addormentato. Al risveglio ero tutta fasciata. Il mio padrone - amico mi ha detto che mi hanno dato un sacco di punti, perché avevo due ferite lacere all'addome, lato destro, con scollamento dei tessuti sottostanti. Però adesso sto bene. Mi hanno imbottito di antibiotici e antidolorifici. Non ho voglia di mangiare, per ora bevo soltanto, ma piano piano mi sto riprendendo.

1 commento:

Susy ha detto...

Ciao cindy buona guarigione Scila e Jenny